LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm codice prodotto: 26065

LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm
LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm
LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm
LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm
 scorri le foto orizzontalmente 

Dane techniczne:


LINEA DI TAGLIO IN STRISCE 1.600 x 7mm  STAM - Anno produzione 2004 
 
Materiale............................................................................... Fe 430-Fe 510
Larghezza effettiva del coil............................................... da 250 a 1600 mm
Peso massimo coil in ingresso.......................................................... 30 Tons
Diametro min/max esterno del coil in ingresso........................ 800 - 2.100 mm
Diametro del foro del coil in ingresso...... 508 mm , 610 mm, 760 mm, 810 mm
Peso massimo coil in uscita.............................................................. 30 Tons
Diametro max esterno coil in uscita................................................ 2.100 mm
Diametro del foro del coil in uscita.................................................... 610 mm
Spessore nastro………………………………………………………………………….1,0 - 7 mm
Numero di tagli (compresi i due tagli di rifilo laterale)
Su spessore 7 mm..................................................................................... 6
su spessore 6 mm..................................................................................... 7
su spessore 5 mm..................................................................................... 8
su spessore 4 mm.................................................................................... 10
su spessore 3 mm.................................................................................... 12
Larghezza minima dei nastri tagliati normalmente70 mm, talvolta 20 mm su spessori 2-3 mm.
Velocità massima di linea............................................................. 100 m/min
Senso di marcia della linea.................. da sinistra a destra visto dall’operatore
Tensione di alimentazione................................................... 400V/50Hz/3fasi
 
Nota: la larghezza minima del coil da tagliare è di 250 mm.
1.     Culla di carico
Portata.............................................................................................. 30 ton
Corsa verticale........................................................................ circa 750 mm
Corsa orizzontale.......................................................................... circa 7 mt
 
Struttura in acciaio saldato posta in fossa sotto i coni dell’aspo svolgitore.
Essa è dotata di corsa verticale comandata idraulicamente e da corsa orizzontale comandata con motoriduttore.
La corsa orizzontale è longitudinale e permette alla culla di andare a prendere i coils preparati a cavallo della fossa. Fino a tre coils possono essere parcheggiati.
La culla è dotata di due rulli motorizzati su cui poggia il coil.
 
2.     ASPO SVOLGITORE A DUE CONI  E FOTOCELLULA DI CENTRATURA
Portata.............................................................................................. 30 ton
Diametro dei coni............................................................. da 450 ad 860 mm
Corsa trasversale dell’aspo, per la centratura................................. ± 150 mm
Diametro max del coil................................................................... 2.100 mm
 
L’aspo è del tipo con due basamenti che portano a sbalzo ciascuno un mandrino con coni.
Il serraggio del coil avviene mediante avvicinamento dei due basamenti.
Il basamento è montato su guide lavorate fissate a pavimento ed è mobile lungo le stesse a mezzo di cilindri idraulici, in modo da allineare il coil alla linea di lavorazione.
Un mandrino è frenato con freno pneumatico, l’altro mandrino è dotato di motoriduttore per lo svolgimento iniziale del nastro.
Un telaio, posto tra l’aspo e l’aprirotolo, porta una fotocellula di centratura del coil, la quale lavora andando a spostare automaticamente l’aspo, se il bordo posteriore del nastro perde la linea desiderata.
 
3.     gruppo aprirotolo, raddrizzatrice e cesoia intestarice
Diametro dei rulli raddrizzatori.................................................. circa 160 mm
 
La macchina si compone di:
 
-Gruppo aprirotolo, formato da tavola sfoderabile, rullo di pressione gommato motorizzato e rullo folle pre-raddrizzatore. Il basculamento del braccio che porta il rullo pressore ha ampiezza tale da portare il rullo a premere coil aventi diametro minimo di 800 mm
-La raddrizzatrice è in struttura di acciaio saldato ed ha due rulli introduttori e 4 rulli raddrizzatori in acciaio speciale temprato e rettificati.
Il rullo introduttore superiore è dotato di movimento verticale a mezzo di cilindro idraulico.
I due rulli raddrizzatori superiori sono dotati di movimento verticale individuale a mezzo di motoriduttori.
Tutti i rulli sono comandati da motore c.a. tramite riduttore, frizione elettromagnetica, gabbia pignoni ed alberi cardanici.
La raddrizzatrice è dotata anche di marcia indietro che si utilizza per agevolare il riavvolgimento di coil.
-All’uscita della raddrizzatrice è posta una cesoia intestatrice a comando idraulico.
Essa è dotata di rullo salvalama posto all’uscita e collegato alla traversa che porta la lama superiore. Il rullo è asportabile, per utilizzare questa prima parte della linea come linea di taglio in fogli di fortuna.
4.     tavolo di sostegno della lamiera.
Posto tra la cesoia intestatrice e l’introduttore della cesoia a lame circolari, esso serve a sostenere la lamiera all’introduzione.
Esso ha una lunghezza uguale al tavolo della macchina attuale, la prima parte è ribaltabile per consentire lo scarico di spezzoni di lamiera che possono venir scartati all’inizio di un coil.
5.     cesoia a lame circolari con CAMBIO RAPIDO DELLE ATTREZZATURE
Diametro degli alberi........................................................................ 280 mm
Interasse fra gli alberi................................................................ 365-415 mm
Gli alberi che supportano i coltelli di taglio (non inclusi nel prezzo) sono sopportati da due spallate in ghisa.
Entrambi gli alberi sono montati su bussole eccentriche che portano i cuscinetti a rotolamento.
La regolazione della distanza fra gli alberi viene effettuata mediante rotazione degli eccentrici. Questa soluzione porta ad una maggiore rigidità del sistema ed ha il vantaggio di non modificare l’altezza di passaggio del nastro quando si rettificano le lame.
La spalla anteriore ha un movimento di spostamento e quindi di rotazione, comandati idraulicamente, che le consentono di liberare completamente l’estremità anteriore degli alberi di lavoro, per l’accesso da parte della torretta portacoltelli, in occasione del cambio attrezzature.
Il gruppo per il cambio delle attrezzature è montato sulla spalla posteriore ed è dotato di piastra di espulsione a comando idraulico.
All’ingresso della cesoia è posto un gruppo per la guida del nastro, con guide regolabili trasversalmente.  Le guide saranno rinforzate rispetto alle attuali.
 
6.     TRANCIASFRIDI E CONVOGLIATORE A NASTRO
Larghezza minima degli sfridi…………………….……1,5 volte lo spessore, con minimo 3 mm
Larghezza massima degli sfridi…………………….…..…………………….…….circa 30 mm
Diametro dei tamburi portalame……………………………………………..…….circa 290 mm
Numero dei coltelli per ogni tamburo…………………………………………………………….6
Lunghezza degli sfridi……………………………………………………………….circa 180 mm
Potenza del motore di comando……………………………………………………circa   20 Kw
                   
Il tranciasfridi è composto da una base che porta due teste di tranciatura indipendenti.
Le due unità sono regolabili trasversalmente per adeguarsi alla larghezza del nastro in lavoro.
Ciascuna unità porta due alberi con dei tamburi, sui quali sono montate le lame di taglio.
Le lame sono in acciaio indeformabile temperato e sono sagomate in modo tale da ridurre al massimo il rumore dovuto al taglio. L’affilatura delle lame si fa con una normale rettifica in piano, a lame smontate.
Gli alberi sono comandati da ingranaggi che lavorano in bagno d’olio, e sono motorizzati da motore in corrente continua o da motore in corrente alternata alimentato da inverter.
Il nastro trasportatore che riceve gli sfridi è posto leggermente infossato nel suolo. Esso trasporta gli sfridi e li fa cadere dentro un cassone vostro di raccolta.
Il convogliamento degli sfridi si fa verso il lato posteriore della linea.
 
7.     TORRETTA PER CAMBIO COLTELLI
Si tratta di una giostra a 4 coppie di bracci orizzontali, sui quali l’attrezzista monta le lame, le gomme, gli anelli distanziatori.
I bracci hanno una forma tubolare, con piste trattate per lo scorrimento delle lame.
La giostra è montata su guide lineari e, per il cambio delle attrezzature, si porta presso la cesoia a lame circolari, innestando due bracci  liberi sugli alberi dello slitter.
Le attrezzature da sostituire vengono espulse dallo slitter sui due bracci, quindi la giostra si ritrae, ruota e re-innesta i due bracci che portano le attrezzature che devono lavorare. Un’espulsore idraulico carica le attrezzature sulla cesoia.
La giostra si ritrae e torna in posizione di riposo, lontana dalla linea, nell’area di attrezzamento. Il bloccaggio delle lame viene fatto con ghiere idrauliche operate manualmente.
8.     GRUPPO tendinastri
La macchina si compone in realtà di un gruppo di macchine che svolgono azioni diverse.
 
Tutte sono montate su un robusto carro che può muoversi dall’uscita della cesoia a lame circolari fino all’aspo avvolgitore.
Il movimento avviene su ruote motorizzate, tramite ruote dentate e cremagliere.
-all’ingresso è montato un albero separanastri, facilmente estraibile e sostituibile.
-il pressino a feltri (o a tappeto) è dotato di due traverse orizzontali. La inferiore ha posizione fissa, la superiore viene portata in compressione sull’inferiore.
La traversa inferiore incorpora una serie di tubi flessibili riempiti di aria compressa, che stanno al di sotto del feltro.  I tubi sono raggruppati in tre sezioni ed è possibile regolare la compressioni in posizioni diverse dei nastri.
I feltri sono facilmente sostituibili.
-la briglia di frenatura consiste di due rulli ricoperti in adiprene e scolpiti, portati da due spalle in acciaio.Il rullo superiore è regolabile verticalmente.
I rulli vengono fatti girare ad una velocità inferiore alla velocità della linea ed in tal modo esercitano un’azione di frenatura. E’ comunque opportuno che il precedente pressino eserciti una certa frenatura, che viene amplificata dalla briglia.
-la cesoia idraulica, che segue, ha lo scopo principale di tagliare  le code dei nastri, per pareggiarle e consentire una più agevole operazione di maneggio dei rotoli riavvolti.
-rullo deflettore, posto all’uscita della cesoia, al di sopra dei nastri, agevola il riavvolgimento dei nastri.
-la pinza di introduzione tiene le teste dei nastri in posizione precisa , per la loro introduzione nella morsa del tamburo dell’aspo avvolgitore.
9.     aspo avvolgitore con braccio separanastri
Portata.............................................................................................. 30 ton
Diametro del tamburo.............................................................. 590 - 610 mm
Diametro max nastri avvolti............................................................ 2100 mm
 
L’aspo è del tipo con mandrino a sbalzo e terzo supporto asportabile.
L’apertura e chiusura dei tegoli è comandata idraulicamente tramite accoppiamento a piani inclinati.
L’apertura del tamburo porta alla simultanea chiusura delle pinze che serrano le teste dei nastri da avvolgere.
Il mandrino gira su cuscinetti a rotolamento ed è comandato da motore in CC e riduttore.
L’aspo è equipaggiato con una piastra di espulsione a comando idraulico. La piastra ha una posizione particolare, per consentire l’accesso ai nastri da parte della culla di scarico.
Un albero con dischi separanastri è portato da un braccio che è orientabile idraulicamente con pressione regolabile. L’albero viene sostituito facilmente.
Vengono fornite quattro alberi separanastri di ricambio (due per l’aspo, due per il gruppo di frenatura)
 
10. sella di scarico ad  “L”
Corsa verticale................................................................................ 600 mm
 
Posta in una fossa sotto il mandrino dell’aspo, ha la funzione  di portare i nastri avvolti fuori dall’aspo.
Essa ha una struttura ad “L”, che incorpora i meccanismi per il movimento verticale , le ruote di traslazione ed il braccio che porta i tasti per tener fermi i nastri. Quest’ultimo dispositivo ha un disegno molto particolare che gli consente di tener individualmente fermi e pressati i nastri, nonostante la differenza di diametro dei vari coils.
La macchina può estrarre i nastri da sola oppure con l’aiuto da parte della piastra di espulsione dell’aspo.
La forma ad “L” della macchina ha lo scopo di  evitare la fuoriuscita incontrollata delle code dei nastri, ma anche di indirizzare le reggette circonferenziali.
La macchina non necessita di fossa, ma solo di un ribasso nel pavimento.
La reggiatura circonferenziale dei nastri si può fare di norma fuori linea, sulla giostra con l’aiuto della torretta descritta più avanti.
A tale scopo la sella di scarico è dotata di una pedana sollevabile, che rende più accessibili i coils grandi all’operatore.
E’ stato chiarito che l’avvolgimento delle code dei nastri potrà essere fatto o tagliando le code per pareggiarle, oppure senza tagliarle, come fate oggi, ed assicurando ogni singolo nastro, man mano che la sua coda arriva al separanastri dell’aspo.
11. torretta di scarico a 4 bracci
Portata di ogni braccio........................................................................ 30 ton
 
La torretta è in struttura di acciaio saldato ed è girevole attorno ad un asse verticale, a mezzo di motoriduttore.
I bracci hanno sezione a U per consentire un facile scarico dei nastri tagliati.
12. impianto elettrico
Alimentazione............................................. 400V/50Hz/3ph (da confermarsi)
Tensione ausiliari........................................................................... 220V CA
Tensione ausiliari............................................................................. 24V CC
 
Include gli armadi elettrici con tutti i componenti di comando e controllo, il pulpito principale,i pulpiti secondari e il cablaggio degli stessi alle macchine.
Il plc è Siemens, Simatic S7.
I motori ed azionamenti in CC o Inverter sono Siemens o Control Tecnique.
Il plc prevederà qualche diagnostica di guasti.
13. impianto idraulico
La centralina idraulica è posta separata dalle macchine in modo che l’ispezione dei componenti risulti facile.
I componenti principali sono Rexroth. I cilindri sono Rexroth, oppure Atos,oppure Parker. In ogni caso sono in misure metriche, e costruiti secondo lo standard ISO.
14. BARRIERE DI SICUREZZA
Sono comprese nella fornitura. E la linea sarà dotata di marcatura CE.
B) Bene in buone condizioni d'uso, che è possibile vedere allacciato e funzionante, su appuntamento.
La garanzia sul macchinario è la sua funzionalità in ogni sua parte, ed è possibile visionare il collaudo.

<< 15 / 25 in Linee di taglio >>

Affrettati! Questo prodotto è già stato visto 21 volte! Non fartelo scappare!

Zapytaj się nas o cenę (*) : pola oznaczone gwiazdką są obowiązkowe










Ostatnio dodane produkty


×